E-mail
HOU HSIAO-HSIEN. Cinema delle memorie nel corpo del tempoHYGIENE

HOWARD HAWKS

Barbara Grespi
2004
pp. 384
ill. b/n
€20,00
ISBN 978-88-8012-260-9
Info su: Grespi Barbara

Costellata di capolavori in ogni genere, da Scarface a Susanna, da Il grande sonno a Il fiume rosso, l’opera di Howard Hawks è uno dei vertici del cinema classico. Cinquant’anni fa i critici e futuri maestri della Nouvelle Vague ci avevano insegnato a pensare a Hawks come a un “genio dell’evidenza”. Oggi, la sua regia tersa ed esatta resta un modello insuperato, ma colpisce ancora di più la ricchezza delle sue storie, capaci di raccontare i conflitti degli Stati Uniti moderni: progresso e imbarbarimento, emancipazione femminile e crisi del maschio, individualismo e nuovo senso del collettivo. Hawks fu il primo a intendere il film come “macchina” e a fare della velocità la forma del nuovo mito americano: trattò allo stesso modo sparatorie, corse automobilistiche, battaglie aeree e storie d’amore, girando noir intricatissimi, commedie vorticose, western astratti, film d’avventura che filavano come congegni meccanici. Il suo contraddittorio sentimento del presente si traduceva in uno sguardo sarcastico, sempre pronto a cogliere, anche nei generi drammatici, il paradosso, la stupidità, l’assurdo: in una parola, il lato tragicomico della vita.Il volume dedica schede dettagliate agli oltre quaranta film di Hawks, con particolare riguardo alle opere del muto, ritrovate negli anni Settanta e analizzate per la prima volta. Propone una serie di saggi trasversali su temi specifici, come il femminile, l’immaginario di genere, i meccanismi della comicità.








Credits to Templates By Compass Design - Credits to Tag cloud By Zaragozaonline - Credits to Virtuemart